Mario Crispi in “L’Arco di San Marco”, il nuovo lavoro di Ferruccio Càinero

Ferruccio Cainero

Ferruccio Càinero “L’Arco di San Marco”, ovvero “La danza leggera dei vinti” è il nuovo lavoro di Ferruccio Càinero, il noto narratore udinese, da tanti anni naturalizzato in Ticino, ma sempre pronto a narrare le storie contadine della sua terra: il Friuli.

L’opera, che vedrà il debutto al Teatro Sociale di Bellinzona (che è anche cooproduttore) l’8 e 9 ottobre 2015, è infatti una serie di racconti relativi ad alcune tradizioni musicali arcaiche del Friuli che si sono perse nel tempo, sia per volontà precise del potere costituito, sia per l’incedere della storia. Càinero ne ricostruisce ed argomenta, cercando di riannodarne i fili, gli stretti legami tra le pratiche rituali di “liberazione” e “dionisiache” di alcune tradizioni del Sud Italia (Pizzica, tarantella, tammurriata, etc) e delle culture del Mediterraneo e quelle di queste molteplici tradizioni fruiulane legate alla devozione di San Marco e dei riti provenienti da Oriente.

In scena con lui Mario Crispi, con i suoi flauti e clarinetti di canna insieme Yuri e Neda Càinero (entrambi percussionisti, cantanti e performers) che curano le musiche, e la danzatrice messicana Beatriz A. Navarro.

Una miscela di racconti, suoni, evocazioni e rituali che dipanano un narrazione avvincente e credibile di una storia da ricostruire per meditare sui flussi dei popoli e gli influssi delle culture che ci sono sempre stati e sempre ci saranno in tutti i crocevia del mondo ed in particolare dell’Italia intera.

Calendario degli spettacoli:

03.10.2015 – Arese – Anteprima
08.10.2015 – Bellinzona (Teatro Sociale) – Prima
09.10.2015 – Bellinzona  (Teatro Sociale) – Replica
17.10.2015 – Stabio (Aula Magna Comunale) – Replica

Per maggiori informazioni:

Sito ufficiale di Ferruccio Càinero